giovedì 3 dicembre 2015

Dicembre e il mondo delle 4writers

Immagine fonte: www.flickr.com

Dicembre.
Dalla profondità dei cieli tetri
scende la bella neve sonnolenta,
tutte le case ammanta come spettri;
di su, di giù, di qua, di là, s’avventa,
scende, risale, impetuosa, lenta,
alle finestre tamburella i vetri..
(Guido Gozzano)

*****

Siamo a Dicembre!


Inauguriamo il dodicesimo mese dell'anno 2015

con nuovi contenuti di questo blog!





Arianna Berna “Favola Imperfetta” (selfpublishing)


Romanzo elegante e contemporaneamente semplice, non banale, in cui ognuno
può specchiarsi nella protagonista ed assaporarne le vicessitudini, facendo riflettere sulle fondamenta che ognuno
di noi può perdere in un lampo; il tutto lascia intuire un'intelligenza vivace dell'autrice. [cliente Amazon]

ACQUISTALO QUI






Monica Coppola “Viola, Vertigini e Vaniglia” (edizioni BookSalad)



Monica Coppola è una scrittrice ironica e piena di talento che mi ha regalato delle ore divertenti in compagnia dei suoi personaggi azzeccati. Mi ha fatta sognare un po', senza rendermi irrequieta, mi ha regalato anche una storia d'amore condita da qualche sana risata e infine ha affrontato il bollente tema del lavoro per i neo-laureati in Italia, la fuga dei cervelli, ma sopratutto l'auto considerazione, che sta alla base della catena.
Questo è il classico esempio di quando le cover e magari un titolo possano trarre in inganno, un romanzo rosa che di rosa ha solo il colore della copertina e giusto una spruzzatina di romanticismo (ma senza calcare eccessivamente la mano).
Da leggere, assolutamente, senza indugi!!!
[Barbara Bandoli]



ACQUISTALO QUI







Loriana Lucciarini “Il cielo d'Inghilterra” (edizioni Arpeggio Libero)



Chi non sognerebbe di ritrovarsi erede di una ricca nobildonna inglese? È quanto succede a Cristina, vivace ragazza romana figlia di albergatori che conoscerà la donna in occasione di alcune vacanze presso la pensione Pioda ed insieme a lei i suoi tre nipoti Mary, Susan e Steve del quale si innamora a prima vista. Sarà l'arrivo in Inghilterra per sbrigare le pratiche ereditarie, però, il vero inizio della storia. Un malinteso, le farà credere che Stive, dai modi spesso ambigui e contrastanti, la stia corteggiando per interesse spingendola a trovare una vacua consolazione tra le braccia di Marlon, affascinante architetto dagli occhi grigi al quale affiderà il progetto di ristrutturazione di Villa Rose, la sua eredità.
Il romanzo è scritto in modo chiaro, semplice, cristallino. Ogni personaggio è delineato lucidamente e Cristina è un vortice di emozioni. Affascina il continuo scambio tra dialoghi e pensieri che gettano il lettore nei tumulti del cuore di questa giovane dalle mille speranze. Affascina il lieto fine e, forse, fa ancora di più sognare il fatto che nonostante trabocchetti e malintesi sia sempre il perdono a vincere... [Laura Belinzoni]


ACQUISTALO QUI








Silvia Devitofrancesco “Lo specchio del tempo” (edizioni Libro Aperto International Publishing)



Ho davvero apprezzato questo piccolo romanzo. L'ho letto in poco tempo e dalla trama non mi aspettavo tutta la bellezza che ho trovato all'interno. Da vera perfezionista quale sono, ho apprezzato molto la cura che la scrittrice ha messo nel descrivere i codici e le loro caratteristiche, ma anche il luogo e le tradizioni in cui il romanzo è ambientato. In questo caso, Bari. Sono piccoli dettagli preziosi che hanno reso la lettura molto coinvolgente e veritiera. Devo confessare che mi è piaciuto maggiormente il punto di vista di Hermina. Adoro la storia, e il Medioevo è uno dei periodi storici che più mi affascina, inoltre sono particolarmente legata alla figura dei monaci amanuensi e dei monasteri, ragion per cui ho davvero apprezzato quei capitoli e il modo in cui erano scritti. Per finire le mie considerazioni vanno alla condizione della donna, che è la chiave di lettura di tutto il romanzo. L'autrice ci fa capire come la figura della donna-oggetto, vista solo come strumento di procreazione e come un essere inferiore non si è dissolta completamente nonostante l'emancipazione femminile e il tanto acclamato "progresso", e che, ancora oggi, la donna, non importa a quale ceto sociale, razza, religione appartenga, è ancora intesa come un burattino nelle mani dei padri/mariti padroni. Per fortuna, come si evince anche dal romanzo, non tutti gli uomini sono così e molte donne sono oggi sono capaci di cambiare la loro condizione umiliante per rifarsi una vita con l'uomo che le ama per quello che sono e le rispetta. Fortunatamente, l'amore vince su qualsiasi cosa. Sempre.  [Lucia Leovino]


ACQUISTALO QUI









E ora parliamo dei contenuti del blog per questo mese...


Per la sezione RITRATTI Arianna Berna ci racconta l'amicizia speciale che lega due delle nostre autrici e del loro incontro in un caldo giorno estivo... da leggere qui






Per la sezione RECENSIONI, Loriana Lucciarini invita alla lettura di "Vite di Madri" di Emma Fenu, l'universo femminile pieno di colori e ombre, di paure e coraggio di donne straordinarie... Da visualizzare qui










Altro invito alla lettura per la sezione RECENSIONI, Silvia Devitofrancesco ci parla di "Non voglio essere famosa!" di Elena Depaoli un romanzo divertente, dalle mille sfaccettature. Da leggere perché...



1 commento: